Cosa sono i sistemi di garanzia partecipata?

Nell'agricoltura, e in particolare nelle pratiche di filiera corta, produttori e consumatori tendono ad interagire sulla base di rapporti di fiducia; quando questi attori integrano il proprio ruolo in modo solidale, cioè cooperando ad un interesse collettivo come quello di favorire forme di produzione sostenibili e di qualità, si generano forme di “garanzia partecipata” in cui gli attori sono parte attiva del processo.

 

Questo tipo di processi, si stanno informalmente definendo in molte pratiche di filiera corta a cui facciamo riferimento, anche se spesso senza la consapevolezza della loro potenzialità, ne' dell'entità del fenomeno fuori dai confini nazionali.

 

Se infatti in Italia l'approccio è ancora timido, questi processi stanno crescendo rapidamente in tutto il mondo, anche grazie al lavoro dell'IFOAM (International Federation of Organic Agriculture Movements), una organizzazione mondiale per la promozione dell'agricoltura biologica, nata nel 1972 e che oggi conta l'adesione di oltre 750 organizzazioni sparse in 116 paesi.

 

Questa tipologia di processi che generano credibilità a partire dalla partecipazione solidale di tutti gli attori interessati ad assicurare la qualità del prodotto finale e del processo di produzione sono definiti “sistemi di garanzia partecipata” (PGS – Participatory Guarantee Systems). Nel 2009 la promozione delle forme alternative di certificazione, tra cui i PGS, è stata assunta come obiettivo strategico da parte di IFOAM, come testimoniato dall'attivazione di diversi workshop internazionali sul tema (tra cui uno in Italia) e dal lancio della newsletter mensile Global PGS Newletter (IFOAM, One earth, many minds - 2009 annual report, p. 6); l'ulteriore promozione e sviluppo dei PGS è individuato tra gli obiettivi del programma 2011 di IFOAM (IFOAM, Program 2011, p. 3).

 

La definizione di IFOAM recita: “I sistemi di garanzia partecipativa sono sistemi di assicurazione della qualità che agiscono su base locale. La certificazione dei produttori prevede la partecipazione attiva delle parti interessate (stakeholders) ed è costruita basandosi sulla fiducia, le reti sociali e lo scambio di conoscenze.