FotoGAS Brianza

Di recente il DesBri ha lanciato un progetto davvero innovativo in questo campo, il FOTO GAS Brianza, un Gruppo di acquisto Solidale che permetta alle famiglie del territorio di acquistare INSIEME pannelli fotovoltaici e/o di solare termico.

 

Il concetto è semplice:  l’unione fa la forza.

Insieme non solo è possibile ottenere prezzi più vantaggiosi ma anche pretendere una assistenza puntuale e dettagliata in ogni aspetto dell’acquisto. Insieme è possibile anche accedere a forme di finanziamento (mutui) che permettono di installare l’impianto senza grossi investimenti iniziali.

Di recente il DesBri ha organizzato  incontri pubblici informativi nei comuni della provincia di Monza e Brianza, l’ultimo a Concorezzo.

 

FOTOGAS : Perchè un gruppo di acquisto

  • L’acquisto in gruppo di grossi quantitativi permette di ottenere prezzi vantaggiosi
  • Grazie ad un lavoro di gruppo si possono selezionare prodotti di alta qualità con le migliori garanzie
  • Si sta trattando per avere la miglior copertura assicurativa e le migliori condizioni bancarie
  • Insieme si possono condividere idee, spirito critico ed esperienze

 

Perchè “SOLIDALE”

  • Per avere un prezzo trasparente su ogni voce di costo
  • Perchè siano rispettate le normative sulla sicurezza
  • Per stimolare i fornitori ad un’integrazione sociale che vada oltre le formalità di legge
  • Per stimolare i fornitori ad una riduzione dell’impronta ecologica
  • Per ottenere dai fornitori il bilancio sociale (certificazione del profilo etico)
  • Per selezionare, a parità di qualità, produzioni locali
  • Perchè Fornitori e aderenti al FotoGAS contribuiranno al fondo di Solidarietà e Futuro del Distretto di Economia Solidale della Brianza che ha lo scopo di sostenere progetti di economia solidale sul nostro territorio

Motivazioni ambientali

  • Ogni famiglia eviterà di immettere nell’aria mediamente 1500 kg di CO2 all’anno contribuendo così alla soluzione del problema effetto serra
  • L’energia consumata per la costruzione dei pannelli fotovoltaici verrà recuperata nei primi 4/5 anni; per il resto della loro vita (altri 25 circa) produrranno energia utile
  • La produzione di energia sul nostro tetto non produrrà odori nè rumori e neppure consumerà territorio
  • La corrente verrà prodotta dove verrà consumata, senza perdite per il trasporto negli elettrodotti; verrà anche prodotta proprio quando ce ne sarà più bisogno: nelle ore centrali del giorno
  • Si useranno i raggi solari anziché sfruttare energia fossile o nucleare (entrambe in esaurimento)

 

Motivazioni economiche

  • Chi ha qualche risparmio lo può investire con buoni rendimenti
  • Chi lo desidera può acquistare l’impianto senza sborsare un euro
  • Con grande probabilità potremo anche avere un finanziamento a tasso zero
  • Grazie al Conto Energia (Decreto Ministeriale 17/02/07) finanziato dalle bollette elettriche di tutti gli italiani, per 20 anni riceveremo un incentivo economico per ogni chilowattora di energia prodotta, anche se consumata in casa