Pesa più un chilo di terra o uno di cemento?

Partendo dal caso Esselunga: come rispondere ai cittadini che si domandano se inserire l’ennesima struttura commerciale sia veramente la scelta più utile per il nostro Comune?

Perché scambiare pochi soldi oggi con molti danni prevedibili per domani. Come promuovere un modello di cittadinanza differente a partire dalle alternative di produzione, distribuzione e consumo del cibo che mangiamo.

Ma anche per iniziare a pensare come potrà essere Monza domani, quale destinazione delle aree verdi ed interrogarci se è possibile rendere fattibile un rapporto tra cemento e agricoltura in una città solidale con le future generazioni.

Per cercare di rispondere a queste domande il Distretto di Economia Solidale della Brianza, in collaborazione con i Gruppi di Acquisto Solidali di Monza organizzano l'incontro pubblico:

 

"Pesa di più un chilo di terra o uno di cemento? Conseguenze e alternative al consumo di suolo nel capoluogo della seconda provincia più cementificata d’Italia"

 

Ne parliamo con :

- Claudio Colombo, Assessore al territorio del Comune di Monza

- Roberto Corti, Sindaco di Desio

- Giorgio Ferraresi, Politecnico di Milano (docente ordinario di Urbanistica e Pianificazione Territoriale)

- Gabriele Marazzini, Comitato Promotore Referendum Area ex Pirelli di Cusano Milanino

- Alfredo Viganò, urbanista

modera Angelo Longoni, giornalista de Il Cittadino

 

Mercoledì 5 dicembre 2012 - ore 21.00 -

presso la Sala pubblica del Centro Civico Polifunzionale (ex

circoscrizione 1), Via Lecco, 12 - Monza

 

Alle ore 20,45 verrà proiettato il trailer del film “40 passi: la verde Brianza e la città infinita” prodotto del gruppo consigliare del PD della provincia Monza e Brianza

 

Info e contatti: segreteria@desbri.org   366 5753963